Media Contact: Beth McGroarty
beth.mcgroarty@globalwellnessinstitute.org • +1.213.300.0107

Il mercato Europeo ed Italiano del Wellness in forte crescita

• Il Global Wellness Economy monitor mette in luce che il mercato del wellness vale oggi 4,2 trillioni di Dollari in crescita del 12,8% rispetto al dato del 2015  • L’Europa si posiziona al primo posto nel settore del Turismo wellness e delle spa e si attesta come il mercato in più forte crescita nel settore del corporate wellness  • L’Italia è fra I primi 10 paesi al mondo nel settore del turismo wellness, spa e termale

Cesena, Italy – 8 Ottobre 2018 – Il settore del wellness a livello globale è cresciuto del 12,8% negli ultimi due anni, da 3,7 trilioni di dollari (3,2 trilioni di Euro) nel 2015 a 4,2 trilioni di dollari (3,6 trilioni di Euro) registrati nel 2017, secondo la ricerca 2018 Global Wellness Economy Monitor rilasciata oggi dall’ente no-profit Global Wellness Institute. I nuovi dati sui 10 comparti di cui si compone l’economia del wellness a livello globale offrono una aggiornata evidenza del fatto che il wellness si conferma come uno dei settori che stanno crescendo più velocemente a livello internazionale.

Dal 2015 al 2017, l’economia del wellness è cresciuta del 6,4% all’anno, quasi il doppio rispetto alla crescita economica globale (+3,6%). I consumi totali in wellness (4,2 trilioni di dollari) a livello globale superano la metà della spesa totale in salute (7,3 trilioni di dollari). Il settore complessivo del wellness rappresenta il 5,3% dell’economia mondiale.

Il report è stato rilasciato oggi in occasione del 12° Global Wellness Summit, l’evento di riferimento per il settore wellness a livello mondiale, che per la prima volta si tiene in Italia presso il Technogym Village di Cesena. Il Summit ha attratto in Italia 650 opinion leaders e investitori del settore da 45 Paesi. Il report ha anche sottolineato la recente crescita che il settore ha registrato sul mercato Europeo in generale ed Italiano in particolare.

La ricerca mostra che il mercato italiano delle spa è cresciuto di circa un terzo nel triennio 2015-2017 e per quanto riguarda il settore workplace wellness (programmi dedicati al benessere sul posto di lavoro) l’Italia si posizione al 7 posto mondiale.

I Comparti dell’Economia del Wellness, a livello globale

Approfondimento sui 5 principali comparti

Turismo Wellness

Mondo: Il mercato mondiale del Turismo wellness che vale 552 miliardi di Euro è cresciuto del 6,5% nel triennio 2015-2017, un dato più che doppio rispetto alla crescita del mercato del turismo in generale nello stesso periodo che si è attestata al +3,2%. Nel 2017 sono stati effettuati 830 milioni di viaggi wellness, 139 milioni in più rispetto al 2015 – oggi il turismo wellness rappresenta il 17% dell’intero mercato del turismo.

Europa: L’Europa si classifica al primo posto al mondo per numero di viaggi wellness effettuati ogni anno: 292 milioni di viaggi nel 2017, in crescita rispetto ai 250 milioni del 2015 con un tasso medio di crescita del 8,1% all’anno. Al secondo posto si classifica l’area Asia-Pacific con 258 milioni di viaggi nel 2017. In termini di fatturato l’Europa si classifica al secondo posto sul turismo wellness con 182 miliardi di Euro totalizzati nel 2017, in crescita rispetto ai 167 miliardi del 2015, superata solo da Nord America che ha registrato un fatturato totale di 209 miliardi di Euro.

Italia: L’Italia si classifica al decimo posto come mercato per il turismo wellness con un fatturato totale di 11,6 miliardi di Euro, in crescita rispetto ai 11 miliardi del 2015. L’Italia si classifica inoltre al 12° posto per crescita del numero di viaggi wellness che nel 2017 si sono attestati a 13,1 milioni, in crescita di 2,7 milioni rispetto al 2015. Oggi il comparto del turismo wellness impiega circa 150,000 persone in Italia.

Il Turismo wellness ha radici storiche molto profonde in Europa, oggi sia I governi, sia le destinazioni turistiche stanno avviando progetti per differenziare la propria offerta rispetto al mercato di massa. Per esempio in Italia è stato lanciato il progetto Terme d’Italia focalizzato a stimolare la domanda di turismo wellness.

Settore spa

Mondo: Il mercato mondiale delle spa è cresciuto dagli 85,2 miliardi di Euro del 2015 al 102,7 milardi nel 2017 – registrando una crescita annua del 9,8%, un ritmo di crescita molto più alto di quello registrato nel triennio 2013-2015 che si era attestato al 2,3%. Il numero di spa è cresciuto dalle 121.595 del 2015 ad oltre 149.000 nel 2017.

Europa: L’Europa rappresenta il primo mercato al mondo in termini di fatturato con un valore di 28,8 miliardi di euro, cresciuto del 10,1% rispetto al 2015. Circa una spa sul tre a livello mondiale si trova in Europa (che conta 46.282 spa) e circa 1 euro su 3 speso in servizi spa viene speso in Europa. Il settore Europeo delle spa impiega oltre 800 mila persone.

Italia: L’Italia è il sesto mercato al mondo nel settore spa con un fatturato di 2,8 miliardi di Euro nel 2017, in crescita del 32% rispetto ai 2,1 miliardi del 2015. In Italia si contano quasi 4000 spa, in forte crescita rispetto alle circa 3000 del 2015, che impiegano 83 mila persone.

Settore Termale

Mondo: Il settore delle terme, in termini di fatturato, è cresciuto a livello globale dai 44 miliari di Euro del 2015 a 48,6 miliardi registrati nel 2017, mentre il termini di strutture è cresciuto da 27.507 centri termali a 34.057. Il settore è fortemente concentrato in Europa e nell’area Asia-Pacific, che assieme totalizzano il 95% del fatturato mondiale del comparto.

Europa: L’Europa, in cui le terme sono state per secoli al centro della cultura del benessere, rappresenta il secondo mercato mondiale del settore (superata solo dall’area Asia-Pacific) con quasi 6000 strutture che producono un fatturato totale di 18,7 miliardi di Euro, in crescita annua del 4,9% rispetto ai 17 miliardi del 2015. Il settore europeo impiega in totale oltre 438 mila persone.

Italia: L’Italia si posiziona al 5° posto mondiale nel mercato delle terme superata solo da Cina, Giappone, Germania e Russia. Il mercato italiano vale 1,5 miliardi di Euro all’anno e conta 768 strutture termali.

Corporate Wellness

Mondo: Il settore vale 41 miliari di euro a livello mondiale, ma il dato è ancora estremamente basso rispetto al massiccio impatto economico che il settore potrebbe avere in termini di maggiore produttività. Si stima infatti che la perdita di produttività legata a malattie e demotivazione sul lavoro si pari al 10-15% dell’economia mondiale. Oggi solo il 9,8% dei lavoratori a livello mondiale sono interessati, in qualche forma, da programmi di wellness aziendale.

Valued at $47.5 billion (€41 billion), the workplace wellness market remains very small compared with the massive economic burden and productivity losses (10-15% of global economic output)

Europa: L’Europa è il secondo mercato al mondo nel settore corporate wellness, con un fatturato totale di 14,7 miliardi di Euro, superato solo dal Nord America con un fatturato di 17,6 miliardi di dollari. L’Europa si classifica però al primo posto in termini di tassi di crescita del settore: con un aumento di fatturato di 1,4 miliardi rispetto al 2015. Oggi, circa il 25% dei lavoratori europei (101 milioni) hanno accesso a qualche servizio o programma per il wellness sul lavoro.

Italia: L’Italia si posiziona al settimo posto a livello mondiale per fatturato nel settore corporate wellness che vale in totale 1,4 miliardi di Euro all’anno.

Immobiliare Wellness:

Mondo: Il settore immobiliare legato al wellness, che incorpora elementi wellness nella progettazione, nei materiali o nei servizi collaterali, è in forte crescita a livello globale, in linea con il forte sviluppo del trend del wellness fra i consumatori sempre più attenti ad inserire elementi legati al wellness ed alla salute nel proprio stile di vita. Il mercato è cresciuto dal 102 miliardi del 2015 ai 116 miliardi registrati nel 2017 con un tasso di crescita del 6,4% all’anno. Oggi si contano oltre 740 progetti immobiliari legati al wellness in costruzione o in progettazione di 34 paesi.

Europa: L’Europa si classifica al terzo posto nel mercato dell’immobiliare wellness, dopo Nord America e Asia-Pacific. Il mercato europeo ha messo a segno una crescita del 4,5% all’anno dai 25 miliardi di Euro del 2015 ai 27,4 del 2017. Al momento si contano in Europa oltre 60 complessi residenziali wellness in sviluppo.

Is the 3rd-largest wellness real estate market, behind North America and Asia-Pacific. It grew from $29 billion (€25 billion) in 2015 to $31.7 billion (€27.4 billion) in 2017, or 4.5% a year. There are currently 61 wellness real estate projects built or in development across Europe. The GWI notes that Europe (and Italy’s) historic spa towns have an opportunity to redevelop themselves as healthy living communities.

Italy: L’Italia si posiziona al 16° posto mondiale nel settore immobiliare wellness, con un fatturato totale di quasi un miliardo di Euro.

Per maggiori informazioni o per parlare i ricercatori del GWI, contattare Beth McGroarty: beth.mcgroarty@globalwellnessinstitute.org,  (+1) 213-300-0107 — Betsy Isroelit, betsyisroelit@gmail.com, (+1) 213-300-0107.

*Global GDP data: IMF, World Economic Outlook Database, April 2018 Edition
**Global health expenditures data: WHO, Global Health Expenditures Database. 2015 data most recent year available.
***The GWI develops original data for five sectors: wellness tourism, spa, thermal/mineral springs, workplace wellness and wellness real estate. For the other 5 sectors, secondary global industry data is evaluated and aggregated.

Global Wellness Institute: Il Global Wellness Institute (GWI) è l’organizzazione no-profit 501 (c) (3) considerata la principale fonte di ricerca e informazione al mondo sull’industria del wellness a livello globale ed è nota per aver introdotto importanti iniziative di settore ed eventi locali che riuniscono i leader del settore per tracciare il futuro dell’industria. GWI ha un impatto positivo sulla salute e sul benessere globale sostenendo sia le istituzioni pubbliche che le imprese che lavorano per aiutare a prevenire le malattie, ridurre lo stress e migliorare la qualità della vita. La sua missione è incrementare il benessere in tutto il mondo.